Gestire la classe. Teoria della disciplina di classe e applicazioni pratiche

Listadelpopolo.it Gestire la classe. Teoria della disciplina di classe e applicazioni pratiche Image
DESCRIZIONE
Non solo indagini e studi, ma anche esperienza e percezione di molti insegnanti rivelano come la gestione della classe sia diventata in questi anni una competenza cruciale e difficile nella quotidiana attività di insegnamento. Dal punto di vista teorico, la risposta a questi problemi di solito consiste in una serie di possibili azioni correttive che vanno dallo scegliere interventi di controllo più o meno rigidi al cambiare il modo di fare scuola, dall'adottare metodi di insegnamento più motivanti allo stipulare contratti con gli studenti. Nella pratica, tuttavia, la risposta che la maggior parte degli insegnanti dà a tali problemi è molto meno "riflessiva" fondandosi per lo più sulla propria esperienza.

INFORMAZIONE

DATA: 2002

ISBN: 9788821304996

DIMENSIONE: 9,48 MB

Abbiamo conservato per te il libro Gestire la classe. Teoria della disciplina di classe e applicazioni pratiche dell'autore Carol M. Charles in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web listadelpopolo.it in qualsiasi formato a te conveniente!

Gestire la classe. Teoria della disciplina di classe e ...

Saper gestire la classe, probabilmente, è per l'insegnante quanto di più difficile vi sia da apprendere nella sua vicenda professionale insieme alla valutazione. La difficoltà proviene da alcuni fattori: la complessità degli elementi da tenere in considerazione, il loro carattere sistemico (se ne viene modificato uno si modificano anche tutti gli altri), la estrema variabilità …

Gestire la classe - Enciclopedia dell'educazione - Libri e ...

La gestione della classe e la disciplina in aula rappresentano un problema e una fonte di stress per gli insegnanti che ritengono i ragazzi di oggi 'peggiori' rispetto a quelli di ieri. Ma è davvero solo colpa degli alunni che disturbano e non seguono le lezioni? Secondo Anna Maria Ajello, docente presso La Sapienza di Roma e presidente dell'Istituto Invalsi, la risposta è no.