Come suono di natura. Metafisica della melodia nella Prima Sinfonia di Gustav Mahler

Listadelpopolo.it Come suono di natura. Metafisica della melodia nella Prima Sinfonia di Gustav Mahler Image
DESCRIZIONE
Il movimento che apre la Prima Sinfonia di Gustav Mahler sollecita interrogativi inquietanti, a cominciare dall'indicazione espressiva "Come un suono di natura" posta all'inizio della partitura: con quel gesto, che crea un ponte fra gli aspetti più nascosti del mondo e il suono musicale, capace di svelarli, il compositore fa entrare l'ascoltatore nella dimensione più intima del farsi della natura, mettendolo di fronte alla sua voce più nascosta. La Prima Sinfonia deriva da un Lied composto nel 1884, "Ging heut' morgen übers Feld" ("Questa mattina andavo per i prati"), un canto che affronta il topos dell'irraggiungibile bellezza del mondo, a cui l'uomo vorrebbe partecipare, ma che lo vede sempre bloccato su una soglia che non riesce a superare: il destino umano sembra così giocato dalle luminescenze di una natura che attrae, senza mai farsi penetrare sino in fondo.

INFORMAZIONE

DATA: 2020

ISBN: 9788898722792

DIMENSIONE: 10,41 MB

Leggi il libro Come suono di natura. Metafisica della melodia nella Prima Sinfonia di Gustav Mahler PDF direttamente nel tuo browser online gratuitamente! Registrati su listadelpopolo.it e trova altri libri di Carlo Serra!

Libri Serra Carlo: catalogo Libri di Carlo Serra ...

Gustav Mahler nacque nel 1860 a Kalischt, in Boemia, allora parte dell'Impero austriaco, da Bernhard e Marie Hermann.La sua famiglia era di origine ebraica-ashkenazita e di lingua tedesca.A pochi mesi dalla nascita, si trasferì a Iglau.La sua infanzia fu molto triste, funestata dalla morte di diversi fratelli.

Mahler - Sinfonia n. 1

INTRODUZIONE: MAHLER, IL NARRATORE DEL MONDO. Per comprendere l'opera di Gustav Mahler (1860-1911) bisogna innanzitutto riflettere sulla sua poetica musicale. Ciò che contava per Mahler era narrare il mondo, con tutte le sue contraddizioni e ambiguità: la realtà gli risultava disgustosa, la vita un vortice brutale, la mondanità un tumulto..