Il migliore dei mondi possibili. Una storia di filosofi, di Dio e del Male

Listadelpopolo.it Il migliore dei mondi possibili. Una storia di filosofi, di Dio e del Male Image
DESCRIZIONE
Nella primavera del 1672, il grande filosofo e matematico tedesco Leibniz arrivò a Parigi dove potè stringere amicizia con due dei più grandi filosofi del periodo, Antoine Arnauld e Nicolas Malebranche. Il confronto fra questi tre uomini eccezionali avrebbe prodotto effetti radicali, non solo per la filosofia leibniziana, ma anche e soprattutto per lo sviluppo del pensiero filosofico e religioso moderno. Nonostante l'enorme differenza fra le loro personalità e prospettive teoriche, i tre pensatori si diedero infatti un obiettivo comune: risolvere il problema del male nel mondo. Perché, in un mondo creato da un Dio onnipotente, infinitamente saggio, buono e giusto, esistono il peccato e la sofferenza? Perché alle persone buone capitano disgrazie e la fortuna arride ai malvagi? Cercando di risolvere questo enigma, Leibniz e i suoi colleghi francesi giunsero a conclusioni contrapposte circa l'essenza di Dio e lo scopo del suo agire. Cos'è più importante, si chiedevano i tre filosofi, la saggezza o il potere di Dio? E che rapporto sussiste tra fortuna in questo mondo e salvezza ultraterrena? Questo libro ricostruisce la storia di uno scontro tra visioni del mondo totalmente diverse, che ebbe al suo centro lo stretto rapporto di tre menti superiori, nutrito di mutuo rispetto ma anche di litigi, furore e indignazione. Ciò che emerse dalle loro conversazioni fu una vera e propria rifondazione moderna dei più antichi problemi filosofici.

INFORMAZIONE

DATA: 2009

ISBN: 9788806181031

DIMENSIONE: 6,10 MB

Scarica l'e-book Il migliore dei mondi possibili. Una storia di filosofi, di Dio e del Male in formato pdf. L'autore del libro è Steven Nadler. Buona lettura su listadelpopolo.it!

Gottfried Wilhelm von Leibniz - Wikipedia

Il «migliore dei mondi possibili» non è perfetto, ma semplicemente quello meno peggiore. L'uomo moderno sta impazzendo, vittima della propria superbia intellettuale e antropocentrismo: non sarebbe ora che si riscuotesse? di Francesco Lamendola Il «migliore dei mondi possibili» non è perfetto, ma semplicemente quello meno peggiore . di

Voltaire, Leibniz E Il Migliore Dei Mondi Possibili

Nonché consolarci, la teoria del migliore dei mondi possibili è disperante per i filosofi che l'accolgono. Il problema del bene e del male resta, per coloro che cercano in buona fede di chiarirlo, un caos insondabile; per coloro che amano disputare è un gioco intellettuale: sono dei forzati che giocano con le loro catene.