Minori e famiglie vulnerabili. Ruolo e interventi dell'educatore

Listadelpopolo.it Minori e famiglie vulnerabili. Ruolo e interventi dell'educatore Image
DESCRIZIONE
I contesti operativi in cui si esplica l'intervento dell'educatore professionale sono diversi e richiedono una preparazione culturale e personale mirata, soprattutto quando si tratta di contesti e servizi in cui si incontrano minori e famiglie vulnerabili: situazioni complesse e multidimensionali in cui l'educatore gioca un ruolo chiave in quanto accompagna, sostiene, promuove processi di crescita, resilienza e cambiamento. II volume propone un introduzione e un'analisi dei percorsi educativi negli ambiti della giustizia minorile e delle comunità per minori attraverso una sintesi dei principali riferimenti teorico-normativi e dei saperi professionali al riguardo. Le riflessioni teoriche si intrecciano con la dimensione della ricerca sul campo, che attraverso la voce dei protagonisti ricostruisce le principali modalità di intervento, le risorse, le criticità e le prospettive di azione di cui potranno avvalersi gli educatori in formazione presso i corsi di laurea in Scienze dell'educazione.

INFORMAZIONE

DATA: 2013

ISBN: 9788843069378

DIMENSIONE: 9,96 MB

Abbiamo conservato per te il libro Minori e famiglie vulnerabili. Ruolo e interventi dell'educatore dell'autore Filippo Dettori,Giusy Manca,Luisa Pandolfi in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web listadelpopolo.it in qualsiasi formato a te conveniente!

Minori e famiglie vulnerabili. Ruolo e interventi dell ...

Minori e Famiglie Vulnerabili. Riassunto Capitoli I, II e III del libro, utili per ripasso veloce. Università. Università degli Studi di Sassari. Insegnamento. PEDAGOGIA SOCIALE DELLA MARGINALITA' E DELLA DEVIANZA A000525. Titolo del libro Minori e famiglie vulnerabili. Ruolo e interventi dell'educatore; Autore. Filippo Dettori; Giusy Manca ...

Minori | Ilmargine

In questi casi la famiglia, ma anche lo stesso bambino, può percepire l'educatore in una posizione incongrua, lontana emotivamente e, soprattutto, carica di impliciti e sottointesi; ciò può generare distanza e diffidenza, fino al punto da ricercare la conclusione del progetto di intervento.