L' oppio degli intellettuali

Listadelpopolo.it L' oppio degli intellettuali Image
DESCRIZIONE
Classico del pensiero liberale contemporaneo, a cavallo tra il pamphlet e il saggio di sociologia culturale, questo libro rappresenta forse la più penetrante critica agli intellettuali occidentali di sinistra che sia mai stata scritta. Raymond Aron da un lato ricostruisce gli argomenti di cui una certa intellighenzia si è nutrita nella sua polemica contro la «democrazia capitalista» e ne mostra tutti i punti deboli; dall'altro analizza le cause di questo atteggiamento mediante un esame delle diverse figure di intellettuale e delle funzioni sociali da esse soddisfatte, offrendo una spiegazione delle ragioni che spingono uomini intelligenti ad adottare idee stupide. Nelle prime due parti del libro, l'autore prende di petto soprattutto i «miti» politici (sinistra, rivoluzione, proletariato) e quella forma di idolatria della storia attraverso cui i maîtres à penser «progressisti» (Jean-Paul Sartre, Albert Camus, Maurice Merleau-Ponty...) hanno giustificato il totalitarismo sovietico e i suoi crimini. L'ultima parte è dedicata a una riflessione, sempre di grande attualità, sul ruolo degli intellettuali e sul rapporto tra questi e la politica.

INFORMAZIONE

DATA: 2017

ISBN: 9788867086740

DIMENSIONE: 10,97 MB

Leggi il libro L' oppio degli intellettuali PDF direttamente nel tuo browser online gratuitamente! Registrati su listadelpopolo.it e trova altri libri di Raymond Aron!

L'oppio degli intellettuali - Raymond Aron - Libro ...

L'oppio degli intellettuali. Pubblicato il ottobre 29, 2008 di libertyfirst1. Un mio articolo su Giornalettismo sul fanatismo ideologico tra gli intellettuali del XX secolo. Per tre motivi è un po' polarizzato a sinistra:

Intellettuale - Wikipedia

Nel positivismo il ruolo degli intellettuali consiste soprattutto in una rigorosa difesa dell'indipendenza della scienza da ogni intromissione che la renda "serva o cortigiana" come già diceva Bacone. Nella seconda parte dell'Ottocento, gli intellettuali venivano identificati con quei "letterati" promotori del dissenso, del cambiamento.