Mi chiamavano signor giudice

Listadelpopolo.it Mi chiamavano signor giudice Image
DESCRIZIONE
Un giudice inflessibile si ritrova nella inusitata (per lui) veste di giudicato. Un brillante avvocato sostiene una tesi e quella opposta: riesce a ottenere sempre ragione ma poi deve fare i conti con l'amante. Una donna tradisce il marito grazie a Internet ma trova giudici benevolenti. Un magistrato diventa allenatore di una squadra di calcio di detenuti e litiga con l'arbitro. Un imputato attribuisce al giudice che lo processa la qualifica di "capo dei ladri" (e il giudice gli dà ragione). Una moglie si rivolge al tribunale perché il marito non adempie il debito coniugale. L'imputato si cambia d'abito e ottiene uno sconto di pena. Un giudice è costretto a fare l'indossatore in udienza. Perché nei tribunali campeggia la scritta "La legge è uguale per tutti"? Un giudice sbaglia ma riceve il plauso di tutti. Sono alcune delle venti vicende dove protagonisti o comprimari sono giudici. Vicende curiose, commoventi, comiche o tragicomiche. E forse anche istruttive. In cui talvolta il vero e l'immaginario convivono; ma è un immaginario dove incombe sempre l'inesorabilità delle storie vere.

INFORMAZIONE

DATA: 2016

ISBN: 9788899376734

DIMENSIONE: 10,37 MB

Leggi il libro Mi chiamavano signor giudice PDF direttamente nel tuo browser online gratuitamente! Registrati su listadelpopolo.it e trova altri libri di Angelo Martinelli!

La giudice o il giudice? Una lettrice scrive, Treccani ...

La lettera Si sente - e si legge - ormai sempre più spesso "la giudice" o "una giudice" in bocca a politici, gente comune, giornalisti, alcuni miei colleghi, fortunatamente pochi anche se comunicativamente più visibili della maggioranza. Non devo essere di certo io a dirvi che si tratta di un errore grammaticale, essendo "giudice" un sostantivo maschile, e che conseguentemente i ...

Mi chiamavano signor giudice - Angelo Martinelli - Libro ...

Signor giudice noi siamo quel che siamo Ma l'ala di un gabbiano può far volar lontano Signor giudice qui il tempo scorre piano Ma noi che l'adoriamo col tempo ci giochiamo L'ombra sul muro non è una ragazza Però ci fai l'amore per abitudine Lei certamente farà quello che è giusto Per noi che ci fidiamo e continuiamo A vivere così così