I simboli di fede della Chiesa antica. Nascita, evoluzione, uso del credo

Listadelpopolo.it I simboli di fede della Chiesa antica. Nascita, evoluzione, uso del credo Image
DESCRIZIONE
Fin dalle origini la Chiesa espresse, conservò e consolidò la propria fede mediante formule che, attraverso un processo di evoluzione, si sono gradualmente accresciute in estensione e contenuto, passando da un'iniziale semplicità e pluralità a una sempre maggiore complessità e uniformità. Il Credo riassume quindi gli articoli essenziali della fede. Attraverso un esame ampio e approfondito, l'autore prende in considerazione le confessioni di fede a partire dal Nuovo Testamento, attraverso i concili dei primi secoli, fino alla diffusione e accoglienza in Europa del Credo apostolico, anche a opera della Riforma. Egli non si limita a uno studio letterario e storico, ma esamina i contenuti dei formulari: i Credo della cristianità sono infatti anche veri e propri manifesti teologici, spesso profondamente marcati dai segni delle controversie del tempo. La traduzione ora edita dalle EDB è effettuata sulla scorta dell'ultima edizione inglese (Londra 2006).

INFORMAZIONE

DATA: 2009

ISBN: 9788810417027

DIMENSIONE: 5,64 MB

Leggi il libro I simboli di fede della Chiesa antica. Nascita, evoluzione, uso del credo PDF direttamente nel tuo browser online gratuitamente! Registrati su listadelpopolo.it e trova altri libri di none!

PDF Descrizione sintetica della materia

Dopo aver letto il libro I simboli di fede della Chiesa antica di John N. Kelly ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L'opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall'acquisto, anzi dovrà ...

PDF Descrizione sintetica della materia

In terzo luogo, per la Chiesa non esiste in linea di principio un'incompatibilità tra la verità della creazione e la teoria scientifica dell'evoluzione. Dio potrebbe aver creato un mondo in evoluzione, il che di per sé non toglie nulla alla causalità divina, anzi può metterla più a fuoco nella sua ricchezza e virtualità.