Diversamente fortunati

Listadelpopolo.it Diversamente fortunati Image
DESCRIZIONE
Questa è la storia vera di Stefano. Un bimbo vero... Un bimbo al quale, a soli due mesi di vita, viene asportato un occhio a seguito di una malattia chiamata Retinoblastoma. Da quel momento sarà conosciuto nel nostro piccolo paese come "il bambino dall'occhio finto". Non ha neppure il tempo per poter sognare di diventare un pilota di aerei, un pompiere o un poliziotto, Stefano deve solo crescere e superare il periodo difficile di un bambino "diverso". Stefano, il bimbo con l'occhio di vetro cresce, si affaccia con gioia al "balcone" dell'adolescenza per guardare il mondo da una prospettiva finalmente nuova. L'occhio finto è sempre meno un problema. È un ragazzino felice in fondo, che gode delle cose semplici che la vita gli dona. Solo che... Solo... che... A quattordici anni gli viene diagnosticato un Osteosarcoma, un tumore maligno delle ossa. Durante i cinque anni di malattia la nostra famiglia diventa un "cerchio magico" al cui centro c'è Stefano. Ci si sostiene con l'amore, quando i referti medici sono nefasti, si condivide la forza per proseguire, si fa di tutto perché la malattia di Stefano non diventi per lui un ostacolo nel vivere la sua vita. Passo dopo passo, minuto dopo minuto.

INFORMAZIONE

DATA: 2019

ISBN: 9788895463537

DIMENSIONE: 1,72 MB

Abbiamo conservato per te il libro Diversamente fortunati dell'autore Gianluca Bocca in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web listadelpopolo.it in qualsiasi formato a te conveniente!

24 CFU per l'Insegnamento a.a. 2019/2020

Clicca qui per visualizzare il Calendario Esami Per accedere al servizio, lo studente dovrà effettuare la prenotazione degli esami 15 giorni prima dalla data dell'esame ed entro il quinto giorno precedente la data dell'appello. Sarà possibile accedere on -line tramite l'area riservata MyUnifortunato "prenotazione esami" seguire il percorso indicato fino al completamento dell ...

D i v e r s a m e n t e S p e l e o - Sito ufficiale dell ...

C'è una locuzione latina che recita "mors tua, vita mea" e che rappresenta molto bene come, dalle altrui sfighe, si possa trarre grande esperienza, senza farsi male.