Chávez. Il Venezuela e la nuova America Latina

Listadelpopolo.it Chávez. Il Venezuela e la nuova America Latina Image
DESCRIZIONE
Un racconto che è quasi una confessione, un dialogo amichevole con Hugo Chávez. Aleida Guevara, figlia del leggendario rivoluzionario, intervista il carismatico Presidente venezuelano eletto in seguito a un unanime mandato popolare nel 1998 e riconfermato dal referendum dell'agosto 2004 e infine nel 2006. Chávez, oggi fra i leader più significativi dell'America Latina, esprime in questa intervista le sue più sincere convinzioni nazionaliste, confida le impressioni successive al tentato colpo di stato subìto dal suo governo nell'aprile 2002, affronta, fra gli altri, i temi della nuova Costituzione democratica del Venezuela, i suoi programmi sociali, le relazioni con Stati Uniti e Cuba. Un colloquio intimo da cui emerge non soltanto il personaggio politico ma anche il privato di Chávez: la sua infanzia e la sua formazione, l'appartenenza e gli ideali politici, la sua visione rispetto all'eredità di Che Guevara in America Latina, le sue speranze per il futuro del paese. In appendice un'esclusiva intervista al ministro della Difesa venezuelano Jorge García Carneiro, che ebbe un ruolo chiave nel difendere il governo dal tentativo di colpo di stato del 2002.

INFORMAZIONE

DATA: 2009

ISBN: 9788884271723

DIMENSIONE: 10,80 MB

Scarica l'e-book Chávez. Il Venezuela e la nuova America Latina in formato pdf. L'autore del libro è none. Buona lettura su listadelpopolo.it!

Chávez. Il Venezuela e la nuova America Latina - Hugo ...

Chávez. Il Venezuela e la nuova America Latina, Libro di Hugo Chávez, Aleida Guevara. Sconto 5% e Spedizione con corriere a solo 1 euro. Acquistalo su libreriauniversitaria.it! Pubblicato da Vallecchi, collana Saggi, brossura, data pubblicazione dicembre 2008, 9788884271723.

Chávez, l'uomo che liberò il Sud America dal giogo Usa | LIBRE

In America Latina, nel giro di sette giorni, per due volte i candidati delle destre, Noboa in Ecuador e Rosales in Venezuela, appoggiati dagli Stati Uniti, dal neocolonialismo spagnolo del Grupo Prisa e dal sistema mediatico mondiale, si sono fermati alla metà dei voti dei loro avversari di sinistra, Chávez e Correa. È un disastro matematico.