I nuovi Navigli Milanesi. Storia per il futuro

Listadelpopolo.it I nuovi Navigli Milanesi. Storia per il futuro Image
DESCRIZIONE
Riaprire i Navigli milanesi vuole dire recuperare lo storico tracciato di fine Ottocento, oggi occupato in modo esclusivo dalla rete viaria lungo il percorso da Cassina de' Pomm (passando da Melchiorre Gioia, Bastioni di Porta Nuova, San Marco, Fatebenefratelli, Senato, San Damiano, Visconti di Modrone, Francesco Sforza, Santa Sofia, Molino delle Armi, De Amicis, Conca del Naviglio) alla Darsena, realizzando così un sistema continuo costituito da un canale e una pista ciclabile che distribuiscano nuova qualità urbana in modo omogeneo da periferia a periferia, passando per il centro. Un'occasione storica per il rilancio di Milano anche dal punto di vista turistico attraverso la formazione di una via d'acqua dal lago Maggiore all'Adriatico con la riscoperta della Darsena come porto della città. Un progetto per una nuova visione della città sul piano ambientale e del paesaggio urbano.

INFORMAZIONE

DATA: 2018

ISBN: 9788891626165

DIMENSIONE: 6,96 MB

Leggi il libro I nuovi Navigli Milanesi. Storia per il futuro PDF direttamente nel tuo browser online gratuitamente! Registrati su listadelpopolo.it e trova altri libri di Richiesta inoltrata al Negozio!

I nuovi Navigli Milanesi. Storia per il futuro | Boatti A ...

Il giorno 20 marzo 2018 è stato presentato presso l'Urban Center di Milano, il volume I nuovi Navigli Milanesi. Storia per il futuro, a cura di Antonello Boatti e Marco Prusicki, alla presenza del sindaco Giuseppe Sala e di numerosi esponenti della cultura milanese favorevoli al progetto di riapertura dei Navigli.

Riapertura Navigli: sì o no? - Ordine degli architetti, P ...

«Milano è la più bella città del mondo,lo disse Stendhal quando Milano era circondata dai navigli, ma io confido nell'impegno preso dal Sindaco Sala di riscoprirli.Da bambino ho avuto il piacere di vederli e manca veramente solo l'acqua per far tornare Milano la più bella città del mondo.Vi saluto e vi abbraccio tutti.» Gualtiero Marchesi