Sei personaggi in cerca d'autore

Listadelpopolo.it Sei personaggi in cerca d'autore Image
DESCRIZIONE
«I Sei personaggi segnano la ricomposizione di quel gigantesco puzzle che è stato l'intreccio tra la vita di Pirandello e la sua opera di scrittore, in un continuo va e vieni dalla realtà alla sua trasfigurazione.» - Andrea Camilleri «Questa mia servetta Fantasia ebbe la cattiva ispirazione di condurmi in casa tutta una famiglia, non saprei dir dove né come ripescata, ma da cui, a suo credere, avrei potuto cavare il soggetto per un magnifico romanzo. Insomma quei sei personaggi, nati vivi, volevano vivere.» Così scrive Pirandello nel 1925, nella premessa aggiunta alla terza edizione dei Sei personaggi in cerca d'autore. Rappresentata per la prima volta al Teatro Valle di Roma nel 1921, la pièce aveva ottenuto un'accoglienza tempestosa, con il pubblico che urlava "Manicomio!" dalla platea. Né poteva essere diversamente, vista la portata rivoluzionaria di quei sei personaggi senza nome che irrompono per declamare la propria catastrofe. Espressione del disordine incoercibile che li ha generati, essi sono l'inizio di una rivoluzione che ha cambiato la storia del teatro e spalancato allo spettatore la dimensione straniante del luogo in cui finzione e realtà si fronteggiano in un abbraccio impossibile.

INFORMAZIONE

DATA: 2018

ISBN: 9788817099394

DIMENSIONE: 2,17 MB

Abbiamo conservato per te il libro Sei personaggi in cerca d'autore dell'autore Luigi Pirandello in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web listadelpopolo.it in qualsiasi formato a te conveniente!

Sei personaggi in cerca d'autore - Wikipedia

Sei Personaggi in cerca d'autore Analisi di Luigi Pirandello Analisi del testo: I sei personaggi sono misteriose creature che un bel giorno bussano alla porta di un teatro nel quale una compagnia di attori, diretta da un Capocomico (che noi oggi chiameremmo regista), sta provando una commedia.

SEI PERSONAGGI IN CERCA D'AUTORE DI ... - Teatro Fontana

"Sei personaggi in cerca d'autore" è il dramma più famoso di Luigi Pirandello. Esso fu rappresentato per la prima volta il 9 maggio 1921 al Teatro Valle di Roma, ma in quell'occasione ebbe un esito tempestoso, perché molti spettatori contestarono la rappresentazione al grido di "Manicomio! Manicomio!".