Il carattere delle arti marziali. Le relazioni nel combattimento

Listadelpopolo.it Il carattere delle arti marziali. Le relazioni nel combattimento Image
DESCRIZIONE
Un lavoro equilibrato e ad ampio respiro, nel quale trovano il giusto spazio le radici storiche ed il rigore metodologico, quali basi per un cammino personale che tutti e ciascuno possono compiere attraverso la pratica delle arti marziali. Questo cammino, al tempo stesso fisico, psichico e spirituale può diventare ragione e strumento di una migliore qualità di vita per una società sempre più incline all'usa e getta e al tutto e subito. Questo lavoro di Stefania Canepa e Massimiliano Barduco, a fianco del quale ho avuto l'onore di camminare per anni, si rivolge principalmente a futuri insegnanti di scienze motorie, ma può essere strumento utile per tutti gli insegnanti, per i liberi professionisti, per gli artisti e per quanti sono affascinati da ciò che è inafferrabile nella qualità motoria e artistica di eccellenza.

INFORMAZIONE

DATA: 2009

ISBN: 9788873882411

DIMENSIONE: 2,19 MB

Scarica l'e-book Il carattere delle arti marziali. Le relazioni nel combattimento in formato pdf. L'autore del libro è Massimiliano Barduco,Stefania Canepa. Buona lettura su listadelpopolo.it!

Karate - Wikipedia

Quindi in uno sport da combattimento tutti i valori tipici delle arti marziali vanno a farsi benedire? Se l'insegnante è appena appena decente e non è uno spaccone, no: le arti marziali insegnano la disciplina, sia che si parli di stili tradizionali, di sport da combattimento o di difesa personale.

Arti marziali - origini | Benessere.com

Storicamente a Okinawa, patria di quest'arte marziale, pur essendo in uso l'accezione karate, più spesso si adoperavano altre parole: te o bushi no te (la mano del guerriero).. Il carattere giapponese per "mano vuota" fu usato per la prima volta nell'agosto del 1905 da Chōmo Hanashiro, maestro di Okinawa, in Karate Shoshu Hen (Il combattimento nel Karate).