1284. La battaglia della Meloria

Listadelpopolo.it 1284. La battaglia della Meloria Image
DESCRIZIONE
Il 6 agosto del 1284 è la festa di San Sisto: un giorno solitamente fausto per Pisa. Quel giorno, al largo di Livorno, nei pressi delle secche della Meloria, Genovesi e Pisani si affrontarono in una delle più grandi battaglie navali del Medioevo. La causa immediata è la contesa per il controllo della Corsica. In realtà, al centro v'è soprattutto il tentativo di affermare la propria supremazia su tutto il Tirreno al fine di salvaguardare le rotte per la Sicilia, l'Africa settentrionale e il Levante mediterraneo. In effetti, le due città giunsero allo scontro al culmine di una serie di rivolgimenti - dalla caduta dell'Impero Latino di Costantinopoli all'ascesa della potenza angioina, allo scoppio della guerra del Vespro - che mettevano in discussione gli equilibri raggiunti a fatica. La ricostruzione del volto di questa battaglia e della sua lunga preparazione consente di riportare alla luce, oltre alla brutalità del combattimento sul mare, il profilo di un Medioevo diverso: quello marittimo e navale, dove gli orizzonti improvvisamente si allargano e dove piccole città si rendono protagoniste di rivoluzioni - da quella commerciale a quella nautica, a quella finanziaria - capaci di mutare il corso della storia.

INFORMAZIONE

DATA: none

ISBN: 9788858140772

DIMENSIONE: 7,50 MB

Scarica l'e-book 1284. La battaglia della Meloria in formato pdf. L'autore del libro è Antonio Musarra. Buona lettura su listadelpopolo.it!

La battaglia della Meloria, 6 agosto 1284 - Il Superuovo

La battaglia della Meloria non fu tanto l'evento che segnò la fine della Repubblica Pisana come repubblica marinara, ma tramite essa avvenne quel passaggio del testimone che determinò l'ascesa di Genova (e successivamente di Venezia) nei grandi protagonisti del Mediterraneo. Andrea Vigorito

Tutto storia, medio evo: Meloria, 6 agosto 1284

Nell'anno 1284, durando già dal 1282 la guerra tra le due città, riapertasi a causa della ribellione a Genova del giudice Simoncello di Cinarca, fattosi vassallo di Pisa, vennero compiuti dalle due parti importanti preparativi navali.