La normalità del male. La criminologia dei pochi, la criminalità dei molti

Listadelpopolo.it La normalità del male. La criminologia dei pochi, la criminalità dei molti Image
DESCRIZIONE
Abitualmente la criminologia si occupa di atrocità che si possono considerare eccezioni. Il volume si interroga invece sul perché interi popoli possano rendersi responsabili di massacri e poi tornare alla loro normalità. La risposta a questa domanda si è cercata soprattutto analizzando l’antisemitismo nazista, inteso come matrice di ogni razzismo, ma ci si è soffermati anche su manifestazioni recenti di “paura dell’altro”, citando molte ricerche. I fattori che determinano la possibilità che persone comuni compiano eccidi possono essere ricondotti, in sintesi, all’idea che gli altri siano diversi da noi; da qui quella spiegazione che vede nella diversità radicale la causa anche del delitto: la “criminologia dei pochi”, appunto, che porta alla “criminalità dei molti”. Rimane, a questo punto, un’ultima domanda: la storia potrà vacillare di nuovo?

INFORMAZIONE

DATA: 2019

ISBN: 9788832850871

DIMENSIONE: 9,30 MB

Abbiamo conservato per te il libro La normalità del male. La criminologia dei pochi, la criminalità dei molti dell'autore Isabella Merzagora in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web listadelpopolo.it in qualsiasi formato a te conveniente!

La normalità del male. La criminologia dei pochi, la ...

Questa è la domanda che si pone Isabella Merzagora, professore ordinario di Criminologia all'Università degli Studi di Milano e presidente della "Società italiana di criminologia", all'inizio del suo nuovo libro, "La normalità del male. La criminologia dei pochi, la criminalità dei molti", edito Raffaello Cortina Editore.

La Normalita' Del Male. La Criminologia Dei Pochi ...

I fattori che determinano la possibilità che persone comuni compiano eccidi possono essere ricondotti, in sintesi, all'idea che gli altri siano diversi da noi; da qui quella spiegazione che vede nella diversità radicale la causa anche del delitto: la "criminologia dei pochi", appunto, che porta alla "criminalità dei molti".